Software usato: AUSED avvia un nuovo tavolo di lavoro

A distanza di due anni dalla sentenza della Corte di Giustizia europea riguardante lo scambio di software usato, AUSED (l’Associazione Utilizzatori Sistemi E tecnologie Dell’informazione) ha aperto un tavolo di lavoro su questo emergente mercato. L’interesse da parte dell’Associazione verso il tema delle licenze software usate è nato dopo aver valutato le nuove opportunità che possono aprirsi per le aziende: una grande occasione di risparmio, che però deve ancora essere colta da molte società, che hanno ancora dei dubbi su quali siano le reali possibilità operative e gli ipotetici rischi.

Per questo l’Associazione ha avviato il tavolo di lavoro al fine di coinvolgere gli associati per contribuire alla resa e all’efficacia del nuovo mercato delle licenze usate. Sottolineando anche che per il funzionamento delle compravendite, i soggetti coinvolti sono tenuti a dover rispettare le regole normative per evitare possibili rischi sanzionatori.

L’attenzione di AUSED si pone anche sulle aziende di compravendita del software usato. Il servizio che queste aziende offrono è molto positivo, soprattutto in questo periodo di crisi, in quanto l’acquirente può acquistare ad un costo concorrenziale un prodotto funzionale anche se usato. Aziende come UsedSoft e ReLicense o l’italiana Resoft hanno aperto la strada ad un mercato nuovo ma già da ora molto promettente.