Anche il sito PMI.it parla di Resoft e delle licenze software usate

Il mercato delle licenze software usate sta finalmente sbocciando anche in Italia. A testimoniarlo il sito PMI.it, che descrive in modo molto efficace il fenomeno: “Uno dei trend emergenti degli ultimi tempi – scrive Noemi Ricci – è quello della compravendita delle licenze software usate, reso lecito da una recente sentenza della Corte di Giustizia dell’Unione Europea, la quale ha stabilito che l’autore di un software non può opporsi alla rivendita delle licenze usate. Questo apre ad interessanti opportunità di risparmio per le PMI in tempo di crisi, potendo sia comprare software usato, risparmiando fino al 50%, che venderlo, ottenendo così liquidità dalla cessione di prodotti non più utilizzati. Tra le alternative c’è anche la permuta di sofware”.

PMI.it non manca di citare Resoft, descrivendone i principali servizi: “L’azienda offre ai propri clienti totale trasparenza per tutte le fasi della compravendita, – spiega Noemi Ricci – un team di esperti per l’assistenza tecnico-commerciale, un servizio di consulenza legale su tutte le fasi della contrattualizzazione, tutta la documentazione necessaria a certificare la provenienza e la titolarità da parte dell’azienda cedente i diritti d’uso e una serie di garanzie accessorie e modulabili in base alle specifiche esigenze del cliente”. L’informazione comincia ad accorgersi del mercato delle licenze software usate e le imprese italiane iniziano a sensibilizzarsi su un tema sempre più cruciale per il business.